contatore free Pane Fiore di Farro profumato al Curry | Pane & Rose

Pane Fiore di Farro profumato al Curry

Pane al Tè Lapsang e Olive Taggiasche
Pane al Tè Lapsang e Olive Taggiasche
4 novembre 2013
Pane alla Zucca e Amaretti .
Pane alla Zucca e Amaretti .
22 novembre 2013

Ingredienti

Per il Poolish (da preparare otto ore prima)
110 gr di Farina Manitoba
20 gr di Pasta Madre
110 gr di Acqua

Per l’impasto
240 gr di farina di Farro
110 gr di Acqua
25 gr di Olio di EVO
3 gr di lecitina di soia granulare sciolta in poca acqua della ricetta
1 cucchiaino di malto o miele
8 gr di sale
2 cucchiaini e mezzo di Curry Rosso Thailandese.

Per la decorazione
Semi di sesamo qb
Semi di Papavero qb
Semi di Lino qb

Procedimento:

La sera prima preparare il poolish sciogliendo la pasta madre nell’acqua e inserendo successivamente la farina fino ad avere un composto omogeneo e senza grumi. Coprire con pellicola trasparente e lasciare a temperatura ambiente per circa  8 ore. Trascorse le otto ore inserire nel poolish la farina di farro, il miele, la lecitina sciolta in poca acqua e iniziare ad amalgamare gli ingredienti. Aggiungere poi metà dell’acqua e iniziare ad impastare. Lasciare riposare il composto per mezz’ora  quindi inserire  il sale e  la restante acqua poco alla volta facendola assorbire. Aggiungere il curry e in ultimo l’olio. Ungere una ciotola e trasferirvi l’impasto. Coprire con pellicola e fare riposare per circa un ora. Schiacciare l’impasto sgonfiandolo e ricoprire nuovamente. Trascorsa un’altra ora dividere l’impasto in piccoli pezzi da 40 gr circa, formare delle palline e passarle sopra il semi quindi metterle in una teglia rotonda rivestita di carta forno distanziandole leggermente una dall’altra. Coprire nuovamente e lasciare lievitare al raddoppio (circa 2 ore e mezza) in un luogo tiepido.
Cuocere a 210 gradi per circa 20-25 minuti.

 

 

Barbara
Barbara
Eccomi qua… Mi chiamo Barbara Rangoni e sono un’appassionata di pasta madre. Il mio primo incontro con LEI è avvenuto attraverso la "Comunità del Cibo Pasta Madre" ormai 5 anni fa e da allora non l’ho mai abbandonata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *